Chi veste la mamma? Tendenze a confronto!

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

 

Dalle mamme degli sposi ci si aspetta sempre una certa classe. Vuoi perchè la tradizione lo prevede, vuoi perchè sono degli agenti segreti in grado di pianificare nel dettaglio il matrimonio dei figli, per chi glielo consente certo, senza tralasciare nulla, con passione e devozione assoluta. E vuoi perchè la mamma è sempre la mamma.

Se vi fidate un attimino, alle tante signore in ascolto vorrei dare qualche suggerimento, breve ma intenso.
Innanzi tutto non essere troppo sobrie nè troppo eccentriche. Attenzione alle stampe all over ma al contempo evitare quei colori sabbiolina o grigio argilla se si è già tanto chiare di carnagione. Una volta per tutte vorrei comunicare un avviso: il grigio piombo o argilla, anche se animato da micro strisce di lurex che sembra bellissimo da vedere, indossato su di una comune bolognese è possibile solo dopo esser tornata da due settimane al mar dei Caraibi! Quindi occhio, ci vuole una bella abbronzatura altrimenti sbatte. Altrimenti dovete tingervi i capelli di rosso, ma non è detto che vi piaccia. Badate bene, non dico che sia impossibile, solo dovete calibrare bene la lucentezza del tessuto a contatto con il vostro incarnato, se riuscite bene è un effetto splendido, ma consiglio di farvi aiutare da almeno altre due persone fidate in questa ardua scelta.

Cerchiamo di capire bene il mood di questo matrimonio, i colori scelti per l’ occasione, il tema, la location. Se è all’aperto, in giardino, in primavera estate, consiglio un abito sotto al ginocchio con un blazer lungo sopra, è così chic. E perchè no, fatevi fare un bel cappello da abbinare, che slanci la figura e protegga dal sole.
Attente alla vostra fisicità, inutile scegliere un abito perfetto se poi sopra ci mettiamo un giacchino bon ton anni ’50 di un colore fluo che spezza la nostra figura, ci abbassa e ci rende più tonde di quel che siamo. Attenzione alle proporzioni.
Le braccia. Rimangono un punto very difficult. Meglio un abito che le copra, almeno parzialmente. Sarete più libere se saprete di avere le braccia “protette”.
Le gambe. Sono per farle vedere, soprattutto se non sono perfette. Trovo molto più bella una donna con un abito giusto su di lei, che scopra qualche difetto, piuttosto che una donna con giaccona e pantalone largo che coprendo tutto elimina le forme, o le deforma.
Detto ciò tutto è più o meno concesso, seguendo il vostro stile e sentendo con il vostro cuore.
Vi segnalo alcuni marchi da cui prendere spunto, e rimango a diposizione per ogni dubbio.
Marina Rinaldi
Marella
Max Mara
Luisa Spagnoli
Rosa Clarà
Elena Mirò
 
Immagini via web
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

About Francesca Fontana

Dopo essersi specializzata in marketing e design si trasferisce a Londra collaborando con famosi brand del Made in Italy, tornata i nel 2013 a Bologna intraprende l'arte della modisteria. Vi farà scoprire tutte le tendenze più attuali in fatto bridal fashion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *